Comites di Santo Domingo, l’assistenza non è un problema

di Barbara Meo Evoli


SANTO DOMINGO – In ogni paese i problemi della collettività italiana sono diversi, come mostra il presidente del Comites Ermanno Filosa. Nel caso di Santo Domingo, la gran maggior parte degli italiani sono persone che hanno fatto fortuna sull’isola o pensionati sposati con giovani dominicane.

“L’obiettivo per il 2011 è costruire un’identità forte della collettività per avere un maggior peso politico nell’isola”. Così dice il presidente del Comites di Santo Domingo Ermanno Filosa’.

“L’Ambasciatore d’Italia Olivieri – afferma – ha convocato associazioni e imprese invitando tutte le componenti della comunità a unirsi e fare gioco di squadra e anche noi, come Comites, stiamo lavorando in quest’ottica”.

Fra le altre iniziative previste per il 2011, Filosa ricorda che terrà un ciclo di conferenze all’Università di Santo Domingo gratuitamente su degli argomenti di diritto privato e costituzionale per dare lustro all’italianità. Il Comites inoltre, insieme all’Ambasciata, organizzerà la celebrazione della Giornata dell’Emigrante nello stesso giorno del festaggiamento dei 150 anni dell’Unità d’Italia e porterà avanti una politica di promozione del made in Italy creando un marchio del Comites che, apposto sui ristoranti, garantisca l’italianità dei prodotti usati e della gastronomia.

“L’anno scorso – spiega – abbiamo organizzato varie attività culturali – poi enumera -: il Comites ha incontrato vari operatori economici per discutere dello stato dell’economia nell’isola caraibica e ha promosso delle conferenze all’Università di Santo Domingo sulla storia italiana con l’obiettivo di risvegliare la curiosità dei giovani dominicani per il nostro paese e per favorire l’integrazione fra la cultura caraibica e quella del Belpaese”.

Inoltre il Comites ha cercato di aiutare i detenuti italiani nell’isola denunciando le condizioni inumane delle carceri e interloquendo direttamente con le autorità locali per garantire un trattamento più rispettoso dei loro diritti.

Filosa è orgoglioso del contributo dato per modernizzare i servizi consolari: “Abbiamo protestato contro i ritardi e abbiamo fatto delle proposte per migliorare il funzionamento della struttura, poi concretizzate. Prima la sede consolare riceveva ben 120 mail di lamentele al mese e adesso solo 4: un salto rilevante in efficienza”, sottolinea. Tenendo in considerazione che in Venezuela sono iscritti all’Aire più di 100 mila italiani, i residenti nella Repubblica dominicana sono, invece, solo 9 mila, in tutta l’area dei Caraibi 20 mila e ogni anno giungono dal Belpaese sull’isola ben 120 mila turisti. Perciò si può ben capire che il Consolato di Santo Domingo lavorando con 7 sportelli è riuscito a non generare degli arretrati nelle richieste del passaporto.

“Gli italiani hanno dato un grande contributo allo sviluppo e all’economia dell’isola – afferma Filosa -. A riprova del grado di integrazione con i dominicani, oltre a numerosi sindaci, ministri e amministratori di grandi imprese, perfino un presidente della Repubblica è stato di origine italiana”.

Secondo il presidente del Comites, nella circoscrizione di sua competenza, le carenze nell’assistenza sanitaria pubblica non sono un problema per gli italiani, poiché la maggior parte di quelli residenti hanno la possibilità di pagare un’assicurazione privata e quindi non fanno appello al Consolato: una situazione quindi molto diversa da quella del Venezuela e dell’Argentina.

www.meoevoli.eu

Annunci

Informazioni su barbarameoevoli

Reporter
Questa voce è stata pubblicata in Repubblica dominicana e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Comites di Santo Domingo, l’assistenza non è un problema

  1. Pingback: Comites di Santo Domingo, l'assistenza non è un problema « Un … : Vacanze Santo Domingo

  2. vacations ha detto:

    Heya! I understand this is somewhat off-topic but I needed to ask.
    Does operating a well-established blog like yours take a large amount
    of work? I am completely new to running a blog but I do write in my journal
    daily. I’d like to start a blog so I can easily share my own experience and views online. Please let me know if you have any recommendations or tips for brand new aspiring bloggers. Appreciate it!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...