Dopo il riso, liberalizzata la vendita dello zucchero

L’AVANA – Cuba sta cambiando e si sta aprendo al libero mercato. Ogni nuova misura economica adottata dal governo di Raul Castro è destinata a far discutere. Da qualche giorno il governo cubano ha reso nota la liberalizzazione dello zucchero, un tempo vendibile solo dallo Stato presso le sue strutture.

Dunque, a breve partirà l’ennesima rivoluzione voluta da Raul Castro, che giorno dopo giorno da quando è al potere, sta dimostrando sempre più la voglia di dare una svolta economica all’isola.

I cubani quindi potranno comprare zucchero, sia grezzo che raffinato, presso negozi privati, ovviamente, e questa è una delle preoccupazioni maggiori, ad un prezzo maggiorato. Ma non da subito avverrà questo. Per un po’ di tempo ancora, i cubani potranno approvvigionarsi di zucchero ad un prezzo decisamente basso, grazie alla “cartillas de racionamineto”.

“Entrambi i prodotti – ha detto Jacinto Angulo Pardo, firmatario della risoluzione – si incorporeranno in modo graduale all’interno del mercato libero appartenente al Mercado Paralelo del Productos Alimenticios”.

“Vedo grande confusione nel modo di gestire la transizione, sia economica che sociale, da parte dell’amministrazione cubana” dice Luis Alfredo Somoza, presidente dell’Istituto di Cooperazione Economica Internazionale. “Da una parte stanno facendo operazioni che non hanno né capo né coda, come quella che riguarda l’esubero di personale statale. La situazione in questo caso potrebbe degenerare se tutti quelli che resteranno senza lavoro non ne troveranno un altro al più presto” continua Somoza. “Io – dice il presidente Icei – vedo che si sta andando a tastoni su molte cose. Mi sembra che non abbiano molto chiara l’idea di come procedere e rischiano di andare velocemente incontro alla instabilità sociale. Ciò che voglio dire è che le riforme attuali sono tutte riforme a metà: non ci si può aprire al capitalismo senza lasciare aperta la porta della contrattazione. In sostanza: se gli stipendi dei lavoratori non crescono e li decide sempre lo Stato si creerà una società divisa a metà” conclude dai suoi uffici milanesi Somoza.

Proprio sui prezzi, questo è evidente, potrebbero verificarsi malumori. All’interno della Gazzetta Ufficiale, edizione straordinaria, la risoluzione 21/11 decisa dal ministero del Commercio, si stabilisce che lo zucchero grezzo debba essere venduto a sei pesos cubani, mentre quello bianco a otto. Un aumento consistente ha toccato anche il riso d’importazione, passato da 3.5 a 5 pesos cubani, dal 5 febbraio scorso entrato anch’esso nel mercato a vendita libera.

La liberalizzazione della vendita delle varietà di zucchero, secondo gli economisti cubani, è un fatto positivo, una decisione necessaria e attesa, soprattutto per quanto riguarda l’espansione e lo sviluppo del settore privato.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cuba e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...