Colombia: via tutti, arriva la diga. È una centrale elettrica ma sembra una guerra

di Barbara Meo Evoli

MEDELLÍN – La costruzione della maggior centrale idroelettrica del paese genererà ancora più ‘desplazados’ e potrebbe determinare nuovi ‘falsos positivos’.

Continuar leyendo “Colombia: via tutti, arriva la diga. È una centrale elettrica ma sembra una guerra”

Colombia, la dura lotta dei minatori invisibili

di Barbara Meo Evoli

Uno dei minatori che lavorano sulla riva del fiume Cauca

MEDELLIN – Il progetto dell’Impresa pubblica di Medellìn (Epm) avrà un altissimo impatto ambientale e ridurrà drasticamente la biodiversità. Il collettivo Hidroituango ha denunciato che la costruzione della maggiore centrale idroelettrica del paese produrrà un’ennesima migrazione forzata della popolazione.

Continuar leyendo “Colombia, la dura lotta dei minatori invisibili”

È necessaria una soluzione pacifica al conflitto colombiano

BOGOTÀ – Dopo 60 anni di conflitti armati fra esercito, paramilitari di destra e guerriglia marxista-leninista in Colombia la soluzione non può essere che negoziata, al contrario la politica intrapresa sia dall’ex presidente Uribe che dall’attuale Santos è stata militarista. Nell’incontro internazionale per la pace in Colombia tenutosi a Buenos Aires si è concluso che la guerra in corso potrà risolversi solo con il dialogo.

Continuar leyendo “È necessaria una soluzione pacifica al conflitto colombiano”

La conferma di Wikileaks: gli studenti uccisi a Sucumbíos non erano delle Farc

WASHINGTON – Secondo un cablo diplomatico rivelato da Wikileaks, gli studenti messicani assassinati dallo Stato colombiano nel bombardamento dell’accampamento delle Farc nel 2008 non appartenevano alla guerriglia. Come al solito la disinformazione impera.

Continuar leyendo “La conferma di Wikileaks: gli studenti uccisi a Sucumbíos non erano delle Farc”

Il 60% dei sindacalisti uccisi nel mondo è colombiano

BOGOTÀ –  La Cut ha reso note le cifre relative alle violenze antisindacali perpetrate dal 1986 ad oggi. Nel 2008 mentre 49 sono stati i sindacalisti uccisi in Colombia, in Venezuela (che i grandi media considerano il paese dove è maggiormente limitata la libertà di espressione in America latina) ne sono morti solo 4.

Continuar leyendo “Il 60% dei sindacalisti uccisi nel mondo è colombiano”

Ristabilite le relazioni Venezuela-Colombia

di Gennaro Carotenuto

BOGOTÀ – E’ fallito il piano del Pentagono e di Álvaro Uribe di ipotecare le relazioni tra il successore di questo e il Venezuela per destabilizzare il governo di Hugo Chávez e incolparlo di finanziare e proteggere “gruppi terroristi”.

Continuar leyendo “Ristabilite le relazioni Venezuela-Colombia”

Gli insulti di Uribe al Nobel per la pace argentino

Il premio Nobel per la Pace argentino Pérez Esquivel

BOGOTA’ – Quando delle dichiarazioni fastidiose confermate da una voce autorevole vengono pubblicate su un quotidiano importante come il Washington Post perfino lo stesso presidente colombiano scende in campo per nascondere i propri misfatti. Uribe ha infatti apertamente insultato il premio Nobel per la Pace argentino Pérez Esquivel per aver raccolto la testimonianza di un poliziotto colombiano sulle operazioni organizzate in combutta con i paramilitari.

Continuar leyendo “Gli insulti di Uribe al Nobel per la pace argentino”

Come da copione. Anzi peggio

di Simone Bruno

BOGOTÀ – Juan Manuel Santos sfiora la vittoria al primo turno, staccando Mockus, suo diretto avversario, di oltre venti punti. Ovviamente vince il partito dell’astensione che si attesta al 51 per cento. Santos è l’autore dell’attacco militare all’accampamento delle Farc in Ecuador a pochi kilometri dalla Colombia dove morirono 18 persone ed è stato coinvolto nello scandalo dei Falsos Positivos. Si prospetta un difficile futuro per la Colombia.

Continuar leyendo “Come da copione. Anzi peggio”

Minacce agli indios, la firma è delle Auc

BOGOTÀ – Nonostante il governo abbia insistito per far credere che il famigerato e spietato gruppo paramilitare Auc fosse smobilitato, 36 leader indigeni denunciano di aver ricevuto minacce di morte proprio dalle Autodefensas.

Moncayo libero dopo 12 anni

di Gennaro Carotenuto

Il padre dell'ex sequestrato Pablo Emilio Moncayo

BOGOTÀ – Questa volta che il sequestrato liberato ha ringraziato solo Chávez, Correa e Lula se ne è parlato poco. Niente a che vedere con il grande spazio mediatico riservato a Ingrid Betancourt che simboleggiava la vittoria di Uribe contro le Farc.

Continuar leyendo “Moncayo libero dopo 12 anni”

Da miss Tanga a ‘mula’

BUENOS AIRES – Proprio tutti i tipi di persone si prestano a guadagnare una bella somma come ‘mulas’ (corrieri). L’organizzazione della top model colombiana, Valencia, usava solo donne avvenenti per trasportare la cocaina dalla Colombia a Buenos Aires e da lì anche in Italia.

Continuar leyendo “Da miss Tanga a ‘mula’”

È stata ricostruita la casa di García Marquez

BOGOTÀ – La casa dove è nato e cresciuto il Premio Nobel della Letteratura, il colombiano Gabriel García Márquez, è stata ricostruita e ha aperto le sue porte al pubblico, il 25 marzo, nella città natale dello scrittore, Aracataca, a nord della Colombia.

Continuar leyendo “È stata ricostruita la casa di García Marquez”

Scoperta fossa comune con 2 mila corpi

BOGOTÀ – Un’altra fossa comune. Questa volta con 2 mila corpi. E la Colombia dovrebbe essere secondo gli Stati Uniti e la Osa il paradigma della democrazia? La zona dove sono stati rinvenuti i cadaveri è sottoposta a dei costanti attacchi delle forze militari presumibilmente per reprimere le Farc, ma realmente vengono assassinati contadini e leader sindacali. Questi poi sono mascherati da guerriglieri per giustificare la politica sostenuta dagli Usa di lotta al terrorismo.

Continuar leyendo “Scoperta fossa comune con 2 mila corpi”

Una goccia di giustizia: condannati sei militari colombiani

Colombia Independence Day

BOGOTÀ – Sono centinaia i contadini, lavoratori e sindacalisti uccisi dai paramilitari e dai militari in Colombia. Si tace su questo massacro ma ci sono tante prove, tra cui i ritrovamenti delle fosse comuni. Ieri sono stati condannati 6 militari colombiani per aver ucciso un agricoltore nel 2006. Una goccia di giustizia nell’oceano delle violazioni dei diritti umani nel paese.

Continuar leyendo “Una goccia di giustizia: condannati sei militari colombiani”

Arrestato un generale per il massacro di oltre 30 persone

falsos_positivos 2BOGOTA’ – Un granello di giustizia in Colombia. Un paese dove il sistema giudiziario è talmente corrotto che non riesce a condannare i colpevoli di massacri di interi villaggi. Un paese spesso preso come modello di democrazia in America latina. Un paese dove sono migliaia i ‘falsos positivos’. La pratica disumana dei paramilitari consiste nell’uccisione di contadini, la cui salma viene posta nelle mimetiche dei guerriglieri delle Farc così da poter giustificare il dispiegamento dell’esercito e l’autoritarismo del governo. E’ stato arrestato un generale accusato dell’assassinio di oltre 30 persone di un villaggio. Il massacro era stato compiuto dai paramilitari di estrema destra ben 8 anni fa. Ciò mostra l’inequivoca alleanza fra l’esercito, che riferiva al governo dell’ex presidente Andrés Pastrana, e i paramilitari.

Continuar leyendo “Arrestato un generale per il massacro di oltre 30 persone”

Un piano per estinguere gli indigeni Awà

awaBOGOTÀ – Sono 28 gli indigeni Awá uccisi presuntamente dai paramilitari e dall’esercito dall’inizio dell’anno in Colombia. Questo paese non dovrebbe essere una delle grandi democrazie dell’America latina? Il relatore speciale dell’Ufficio Onu sui diritti umani dei popoli indigeni, James Anaya, ha dichiarato che la situazione di queste etnie “è grave, critica e profondamente preoccupante”. Continuar leyendo “Un piano per estinguere gli indigeni Awà”

Colombia, il ritorno alle armi di 7 mila militanti delle Auc

 Questa non è una guerra civile? 

Ivan Laverde, ex capo delle Auc
Ivan Laverde, ex capo delle Auc

BOGOTÀ – Nella sua deposizione davanti alla Corte Suprema di Giustizia, dove è stato ascoltato come teste nel processo al senatore Ricardo Chacon, Jorge Ivan Laverde, conosciuto come “l’Iguana” ha dichiarato che settemila ex militanti delle “Autodefensas Unidas de Colombia” (AUC) – organizzazione paramiltare di estrema destra – sono tornati alle armi riuniti in nuove bande dedite al narcotraffico.

Continuar leyendo “Colombia, il ritorno alle armi di 7 mila militanti delle Auc”