“Babaçu livre”, salviamo la pianta della vita

ROMA – Il documentario “Babaçu livre” sarà presentato dalla Ong ActionAid alla Provincia di Roma, lunedì 7 marzo. Il lungometraggio racconta come le donne della regione settentrionale del Brasile siano riuscite a far approvare la “Legge del Babaçu libero”, una noce di cocco da cui dipende la sussistenza di milioni di persone.

Continuar leyendo ““Babaçu livre”, salviamo la pianta della vita”

Anuncios

Ricomincia il processo per l’omicidio del leader Guaranì

Il leader guaraní Kaiowá Marcos Veron

SAN PAOLO – Forse i tempi un po’ stanno cambiando. Il processo contro coloro che uccisero il leader guaraní brasiliano Veron sta ripartendo. Il capo indigeno aveva osato opporsi a un ricco allevatore per difendere la propria comunità.

Continuar leyendo “Ricomincia il processo per l’omicidio del leader Guaranì”

Dilma Rousseff vince le elezioni

SAN PAOLO – Dilma Rousseff si è aggiudicata il 55,9% delle preferenze e diventa così il nuovo Presidente del Brasile. L’avversario, il socialdemocratico Josè Serra si è fermato al 44%, portando a casa 43,6 milioni di voti. È la terza donna presidente in America latina.

Continuar leyendo “Dilma Rousseff vince le elezioni”

Elezioni in Brasile, Dilma Rousseff in testa

SAN PAOLO – Dilma Rousseff prende il largo, in vista del ballottaggio per le presidenziali in Brasile. Nel penultimo confronto televisivo prima del voto di domenica, a José Serra non basta alzare i toni e cavalcare gli argomenti polemici di immoralità e corruzione, per frenare il ritrovato slancio della delfina di Lula.

Continuar leyendo “Elezioni in Brasile, Dilma Rousseff in testa”

Rio de Janeiro, la città meno omofobica al mondo

gayRIO DE JANEIRO – Vince Rio de Janeiro come la città meno omofobica del mondo. Seguono Buenos Aires, Londra e Barcellona. L’Italia sicuramente si sarà attestata alle ultime posizioni… c’è ancora molta strada da percorrere per raggiungere l’eguaglianza fra eterosessuali e omosessuali, stabilita fra l’altro all’articolo 2 della Costituzione.

Gli indigeni contro una nuova diga in Amazzonia

kayapo-womanSAO PAOLO – Gli indigeni fanno sentire la propria voce. Prima non gli faceva eco nessun media. Oggi grazie anche alla maggior sensibilità dell’opinione pubblica sulla tutela dell’ambiente, protestano e riescono a volte a fermare dei progetti devastatori per la natura, come è successo in Perù. Questa volta sono gli indigeni Kayapò a protestare contro la costruzione di una diga che devierebbe l’80% delle acque del fiume Xingu in Amazzonia.

Continuar leyendo “Gli indigeni contro una nuova diga in Amazzonia”