La nuova missione: “Barrio nuevo”

barrio

CARACAS – Il governo del Venezuela metterà a disposizione un programma per la realizzazione di case popolari nei quartieri poveri con l’appoggio del Brasile, lo ha comunicato ieri l’ufficio presidenziale. Avanza l’integrazione latinoamericana.

Continuar leyendo “La nuova missione: “Barrio nuevo””

Anuncios

La lotta al narcotraffico in America latina funziona?

narcosIn Argentina, il 7 e l’8 agosto, si discute su ciò che nasconde la lotta al narcotraffico nella Prima conferenza latinoamericana sull’argomento. In Argentina oltre il 70 per cento dei condannati per reati di droga sono piccoli consumatori di cocaina o marijuana. La lotta al narcotraffico orchestrata dagli stati Uniti non riesce quindi a prendere i pesci grossi, o semplicemente non gli conviene condannarli? I fondi utilizzati per sconfiggere i narcos sono un giro d’affari enorme. Questi soldi non verranno utilizzati per ben altri fini?

di Stella Spinelli

Continuar leyendo “La lotta al narcotraffico in America latina funziona?”

Bolivia, quattro decadi di “desaparecidos”

Spesso si associa l’idea di “desaparecidos” unicamente all’Argentina. Ma non è così. La barbarie delle “desapariciones” ha afflitto tutta l’America latina: dal Messico al Cile attraversando tutto il continente. E colpendo anche la Bolivia.

desaparecidos bolivia

LA PAZ – Un gruppo di antropologi argentini ha cominciato martedì la ricerca dei resti di più di mezzo centinaio di persone che sono morte 39 anni fa durante delle azioni di guerriglia nelle vicinanze di Teoponte, un piccolo paese boliviano ubicato tra le Ande e la regione amazzonica a circa 300 chilometri al nord-est di La Paz.

Continuar leyendo “Bolivia, quattro decadi di “desaparecidos””

Brasile, donne all’opera per ridurre la violenza nelle favelas

Il contrasto fra ricchi e poveri
Il contrasto fra ricchi e poveri

Per combattere la criminalità è necessario comprenderne le cause. Considerando che i poveri in media in America latina sono 3 o 4 volte di più dei ricchi, la delinquenza non deriverà forse dal grosso divario fra ricchi e poveri? Succede allora che chi possiede di meno sottrae illecitamente al ricco. Da un lato è vero che il sistema, così come è architettato, non dà la possibilità a molti poveri di uscire dal proprio stato di miseria, dall’altro è vero che uscirne dipende anche molto dalla volontà e tenacia del singolo. I furti e le rapine derivano sicuramente anche da un sistema di valori in vigore nella società, per cui la felicità si raggiunge solo attraverso il consumo di beni. Il governo di Lula ha tentato di sconfiggere la delinquenza istruendo le donne che vivono nelle ‘favelas’. Sono state scelte le donne per la loro sensibilità, la loro capacità di ascolto e la loro capacità di farsi ascoltate senza imporsi. Le donne hanno il compito, secondo il programma, di individuare i giovani a rischio-criminalità e di portarli sulla buona strada offrendogli la possibilità di seguire corsi formativi tecnici.

Barbara Meo Evoli

Continuar leyendo “Brasile, donne all’opera per ridurre la violenza nelle favelas”

Perù, il primo ministro si dimette e vincono gli indigeni

indigena indios peru

A seguito delle proteste degli indios contro la “legge sulla selva”,  con cui il governo intendeva liberalizzare lo sfruttamento delle risorse naturali della regione amazzonica, il parlamento ha ritirato il decreto in questione

LIMA – Il capo del Consiglio dei Ministri del Perù, Yehude Simon, ha rassegnato le dimissioni martedì scorso, assumendosi il prezzo politico degli scontri avvenuti lo scorso 5 giugno tra gli indigeni della regione amazzonica e le forze della polizia. L’episodio ha causato la morte di 24 poliziotti e di dieci civili.

Continuar leyendo “Perù, il primo ministro si dimette e vincono gli indigeni”

L’Ecuador rifiuta il ddl sicurezza italiano

Il decreto sicurezza visto dall’America latina: una vergogna

ddl sicurezza

Il governo dell’Ecuador ha espresso il suo “più profondo rifiuto” alla nuova legge migratoria dell’Italia, che ha condannato perché “limita il diritto alla mobilità delle persone, chiude paradossalmente le condizioni per facilitare un’immigrazione regolarizzata ed aumenta gravemente le pene contro le persone senza documenti, alimentando in questo modo la spirale di violenza xenofoba che subisce l’Italia negli ultimi mesi e favorendo la sorta di pratiche di repressione sociale”.

Continuar leyendo “L’Ecuador rifiuta il ddl sicurezza italiano”

La musica: strumento per uscire dalla povertà

Dopo aver studiato pianoforte al Conservatorio in Italia, Domenico Lombardi è tornato in Venezuela per dirigere l’Orchestra sinfonica giovanile e infantile dello stato Vargas

Domenico Lombardi con i suoi alunni del Conservatorio
Domenico Lombardi con i suoi alunni del Conservatorio

CARACAS – “Regalare ai bambini umili la musica classica vale più di qualsiasi concerto in un teatro prestigioso. Vedere i ragazzi sorridere ascoltando Mozart sotto un semplice tendone in piedi sul terriccio ha un valore inestimabile”. Così spiega la sua dedicazione al progetto delle Orchestre sinfoniche giovanili e infantili del Venezuela (Fesnojiv), il giovane direttore Domenico Lombardi. Continuar leyendo “La musica: strumento per uscire dalla povertà”