Omicidio Petricca, la polizia segue la pista della banda dei rapinatori d’auto

di Barbara Meo Evoli

CARACAS – Potrebbe trattarsi di una banda che si dedica a rapinare le automobili e che ha ucciso altre tre persone negli ultimi due mesi. Questo quello che emerge dalle indagini svolte dalla polizia scientifica Cicpc sull’omicidio di Glauco Petricca di domenica scorsa.

L’italo-venezolano nato all’Aquila e nipote dei proprietari dell’università Santa Maria è stato ucciso a bruciapelo mentre era al volante della sua jeep nel paseo Los Ilustres a Caracas. Il commerciante di 39 anni ha ricevuto un colpo di pistola alla testa dopo essersi opposto a scendere dalla Grand Cherokee nera targata SBG-67Z che stava guidando. Dopo lo sparo dei delinquenti, Petricca, che è proprietario di un centro di lavaggio auto a San Antonio e padre di una bambina di sette anni, ha perso il controllo del veicolo e si è schiantato contro un albero.

Dopo il ritrovamento sul luogo del delitto del paraurti di una Toyota Corolla, la polizia ha ipotizzato che appartenesse al taxi bianco su cui si trovavano i malviventi al momento dell’omicidio.

La Cicpc ha già raccolto otto testimonianze ed è alla ricerca delle immagini dell’omicidio che potrebbero essere state riprese dalle numerose videocamere di sicurezza presenti nella zona. La polizia scientifica sta comparando gli indizi dell’omicidio di Petricca sia con i dati degli assassini di Carlos Alejandro Blanco Suárez, di Edgar Carrasquel e di Enrique Antonio Ramírez Rosario, sia con il modus operandi del sequestro di quattro dirigenti di Fedecamaras accaduto il 27 ottobre dell’anno scorso. Il primo è stato ucciso il 7 gennaio a La Palmas vicino alla porta delle propria casa, il secondo ha ricevuto lo stesso giorno un colpo di pistola a La Florida e il terzo è morto al volante della sua automobile il 28 gennaio a Los Caobos.

Secondo le indagini svolte fino a ieri dalla Cicpc, gli assassini di Petricca potrebbero essere parte di una banda specializzata nella rapina di veicoli nelle zone di Las Palmas, Los Caobos, Santa Mónica e San Pedro nella capitale.

Il padre di Glauco, Antonio Petricca, ha denunciato l’inefficienza dei programmi intrapresi dal governo per ridurre la delinquenza a Caracas: “il problema è che non vi è controllo sulla vendita di armi e munizioni alla popolazione e spesso i delinquenti sono le stesse forze dell’ordine. All’esecutivo non interessa fare qualcosa sul serio per rendere il paese più sicuro”.

Anuncios

One thought on “Omicidio Petricca, la polizia segue la pista della banda dei rapinatori d’auto

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

w

Conectando a %s