Il 60% dei sindacalisti uccisi nel mondo è colombiano

BOGOTÀ –  La Cut ha reso note le cifre relative alle violenze antisindacali perpetrate dal 1986 ad oggi. Nel 2008 mentre 49 sono stati i sindacalisti uccisi in Colombia, in Venezuela (che i grandi media considerano il paese dove è maggiormente limitata la libertà di espressione in America latina) ne sono morti solo 4.

I dati del dipartimento dei diritti umani della Centrale Unitaria dei Lavoratori (Cut), la più grande confederazione sindacale colombiana, confermano che il 60% di sindacalisti uccisi nel mondo sono colombiani.

Nel corso degli ultimi quindici anni in Colombia sono stati assassinati almeno 2.778 sindacalisti, si sono registrate 196 sparizioni forzate e più di 11.096 atti di violenza, dati che configurano un vero e proprio genocidio contro il movimento sindacale colombiano.

Questo fenomeno ha profonde radici storiche, e non riguarda solo il movimento sindacale, ma molti settori sociali e politici che hanno sofferto una pratica di sterminio massivo. La CUT segnala che non esistono le condizioni per l’affermazione dei diritti delle vittime: per la vergognosa legge “Giustizia e Pace”, che ha smobilitato solo sulla carta le organizzazioni paramilitari, funzionali al governo, negando di fatto ogni possibilità di ricostruzione della verità, di giustizia e d’indennizzo delle vittime.

Secondo Luis Alberto Vanegas, portavoce della CUT, qualora questa legge venisse approvata il governo si arrogherebbe “il diritto di definire chi è una vittima e chi invece non lo è, mentre la discussione si concentra più sui costi e sulla sostenibilità fiscale che sui diritti delle vittime”. Si aggiunga a questo che “il progetto di legge del governo non prende in considerazione il risarcimento collettivo per le organizzazioni che hanno subito la repressione, né prevede che lo Stato si assuma una responsabilità nel genocidio”.

Inoltre si mantiene l’intollerabile situazione d’impunità per gli esecutori degli atti di terrorismo di Stato, pari al 100% dei casi nel 2007, e scesa di appena il 3,89% negli ultimi anni.

In sostanza, da venticinque anni a questa parte ogni tre giorni in Colombia un sindacalista cade sotto i colpi del terrorismo di Stato, implementato dall’oligarchia, dai latifondisti e dalle multinazionali.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Colombia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...