Il ‘vision book’ di Acido lattico: una produzione italo-venezuelana

di Barbara Meo Evoli

Un'immagine tratta dal 'vision book' di Acido lattico

CARACAS – Nell’opera multimediale pubblicata in rete si intrecciano: il testo tratto dal libro di Saverio Fattori, la voce di Ezio Falcomer e i video di Antonio Nazzaro. I tre co-autori si sono incontrati nel web e hanno deciso di sperimentare questo nuovo strumento della comunicazione.Fra Bologna, Torino e Caracas è nato uno dei primi ‘vision book’, l’opera intellettuale in cui si fondono testo, voce recitante e immagini. La produzione multimediale è composta da uno spezzone del romanzo noir ‘Acido lattico’ di Saverio Fattori, recitato da Ezio Falcomer accompagnato dai video scelti da Antonio Nazzaro.

“Sono venuto a conoscenza del vision book per caso e mi ha subito attirato – spiega Fattori raggiunto telefonicamente a Bologna -. Dopo aver conosciuto in rete Nazzaro e Falcomer ho pensato subito di utilizzare una parte del mio ultimo romanzo come testo per questa nuova tipologia di opera in cui le immagini si applicano alle parole. Penso che nella nostra epoca il vision book sia un’ottima forma per movimentare uno scritto e una buona introduzione per la presentazione di un libro”.

“Il risultato del vision book è frastornante – afferma lo scrittore -. All’inizio consideravo la rappresentazione eccessivamente didascalica. Invece poi mi sono reso conto che Antonio Nazzaro e Ezio Falcomer ne fanno un tratto distintivo del loro assemblaggio di parole e immagini. Si potrebbe definire vagamente inquietante questa sorta di disciplina estetica integralista, ma personalmente il risultato convince”.

Al centro del romanzo pubblicato da Gaffi Editore, vi è l’atleta Claudio Seregni: “una brutta persona, cinico, razzista e quasi psicopatico che però nel corso del libro si umanizza”. Fattori parla del doping, un tema di cui i giornali spesso si dimenticano quando non ci sono casi eclatanti nella giustizia sportiva, capendo ma non giustificando chi decide di usare delle sostanze per inseguire il successo.

L’autore così spiega la scelta dell’argomento: “La scrittura e l’atletica sono le mie due grandi passioni, anche se non sempre danno da vivere. Grazie al fatto che anch’io come il protagonista corro e faccio gare, mi è stato possibile ottenere un’introspezione profonda del personaggio”.

Dopo quattro creazioni di video-arte, la scelta di Antonio Nazzaro è caduta su ‘Acido lattico’ per l’intensità e la crudezza dei testi. Così spiega da Caracas: “Il vision book nasce in ambito didattico con la finalità di incuriosire i giovani su uno scritto, invitarli a leggere e dare loro la possibilità di costruirne altri usando materiali incontrati in rete e senza produrre immagini ex novo. Se i video fossero filmati e non tratti dal web, si ridurrebbe drasticamente l’accesso alla creazione dell’opera per il costo della telecamera, in particolare in un paese come il Venezuela”. Poi conclude con un’ultima osservazione: “Lo scambio esistente fra l’artista/artigiano del testo, della voce e dell’immagine fa sì che nessuno dei tre sia il titolare dell’opera complessiva”.

Per l’attore e professore di italiano, Ezio Falcomer, i principali lati positivi del vision book sono l’incredibile velocità della sua circolazione attraverso internet, capace di azzerare le distanze, e il costo quasi nullo della produzione. “Dopo aver conosciuto il mondo del teatro ho scoperto l’audio-web – spiega Falcomer in collegamento da Torino – e cosí abbiamo iniziato con Nazzaro ad addentrarci nel video-artigianato. Abbiamo sperimentato con i testi di vari autori: Mario Benedetti, Rafael Cadenas, Dino Campana, William Shakespeare fino ad arrivare a Saverio Fattori”.

Secondo l’attore dal timbro caldo e profondo, ‘Acido lattico’ sembra composto proprio per lo stile ipercinetico di Nazzaro, caratterizzato dal susseguirsi di immagini dense di emozioni. “Nel vision book non vi è regia preventiva – conclude Falcomer -. Uno degli elementi caratteristici è la contaminazione che si produce fra chi interpreta il testo con la voce e chi interpreta la recitazione con le immagini”.

Acido lattico

“Acido lattico” è un romanzo noir d’ambiente sportivo: indaga il mistero di un suicidio e la faccia oscura dello sport professionistico. L’atletica leggera a livelli d’eccellenza è preparazione estenuante e dedizione assoluta. L’io narrante è una brutta persona: razzista, cinico, ossessionato dalla paura dell’insuccesso. Per esorcizzarla colleziona schede di giovani talenti “perduti” o martoriati da infortuni. Uno psicopatico con un’esistenza tetra e variabili minime. Finché si imbatte in Clara, promessa dispersa del mezzofondo: il suo fantasma personale. Per sopportare nuovi carichi di lavoro, sognando le Olimpiadi, Claudio Seregni supererà ogni remora etica. L’atleta è vittima, non carnefice. Il doping è la trasformazione del corpo, la performance atletica l’utopia della perfezione.

Un’estrapolazione dal romanzo

 

Fuori la notte grida ancora, artificiale. Non si placa mai, e io devo dormire dopo l’iniezione. Auto, motorini, voci, lingue straniere. Maledetti figli di puttana. Nell’aria gas di scarico e odore di pizza da asporto. Le pizze da asporto lasciano un fetore inconfondibile, deve essere per via di certa merda sintetica che usano nei forni al posto del legno. Allo stadio stasera c’è un’altra partita di beneficenza. Puttane di stato contro agenti magnaccia, trasmessa in diretta televisiva. Aprirà la serata un cantante in odore di camorra. Ormai ne fanno una alla settimana. Ci possono andare anche le famiglie, nessun disordine tra ultras. Fino a ora almeno.

La fiala è tra un scatola di minestrone e un gelato allo yogurt.

—————————————————-

Il vision book di ‘Acido lattico’ è presente in rete su:

– Facebook nel gruppo ‘Vision book’

www.youtube.com/watch?v=y15Ky_jA8FI

http://accademiadeisensi.podomatic.com : Il luogo

virtuale delle rappresentazioni pseudoteatrali di psicodrammi

Annunci

Informazioni su barbarameoevoli

Reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...