Imboscata a Zitacuaro, uccisi dodici poliziotti

di Alfredo Méndez

CITTÀ DEL MESSICO – Dodici poliziotti federali sono stati uccisi e altri quindici feriti in un’imboscata tesa contro un gruppo di 40 agenti della polizia federale da un commando di civili armati a Zitacuaro, nell’ovest del Messico. Lì, come nella maggior parte degli stati della frontiera del paese con gli Usa, i cartelli della droga seminano il terrore.

“Molti aggressori” sono stati inoltre uccisi, ha aggiunto un comunicato. “Elementi della polizia federale sono stati attaccati da un gruppo di persone armate (…) dodici poliziotti federali hanno perso la vita e molti altri sono stati feriti”, ha indicato il ministero.

Il cartello della droga “Familia”, ritenuto una dei più spietati in particolare per avere attaccato simultaneamente molti edifici della polizia federale nel 2009, è molto presente nello stato del Michoacan, dove l’imboscata è stata tesa. Gli scontri tra bande rivali, ma anche con le autorità, hanno causato quasi 23mila morti dal dicembre 2006, data dell’arrivo al potere del presidente Felipe Calderon, mentre il suo governo ha dispiegato 50mila uomini tra poliziotti e soldati. I cartelli si affrontano per il controllo del mercato della droga verso gli Stati Uniti, primo consumatore di cocaina al mondo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mexico e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...