Un aiuto italiano dal Venezuela per Haiti

PORT AU PRINCE – La solidarietà con Haiti non ha confini. Dal Venezuela, padre Leonardo Grasso ha deciso di andare nell’isola distrutta dal terremoto per portare il suo aiuto. Oggi l’associazione Icaro da lui diretta coordina l’assistenza umanitaria per gli haitiani colpiti dal sisma del 12 gennaio.

Il sacerdote italiano afferma: “Sono venuto per coordinare l’assistenza da fornire dal Venezuela”. Arrivato ad Haiti sabato scorso, ha vissuto anche la scossa di magnitudo 6.1 del 19 gennaio che ha fatto crollare molti edifici pericolanti.

“Volevo vedere la tragedia con i miei occhi per poter dare l’aiuto necessario nel primo periodo di emergenza e poter poi individuare le linee di un’assistenza di medio e lungo termine” spiega il sacerdote e presidente dell’associazione Icaro.

“L’obiettivo dell’associazione è fornire un’appoggio alla Caritas, la Chiesa e le tantissime organizzazioni non governative che stanno lavorando notte e giorno per salvare i sopravvissuti, aiutare i feriti, soccorrere i bambini e supervisionare la distribuzione di medicine e alimenti”.

Lo sguardo lucido di padre Leonardo vede lontano: “A lungo termine, oltre alla ricostruzione materiale, sarà necessaria una ricostruzione del tessuto sociale. Moltissime persone hanno perso la vita, sotto le macerie è scomparsa anche la classe dirigente del paese. Sono crollate due università e sono morti sia i professori che centinaia di studenti. E’ crollato il palazzo dell’Arcivescovado, è morto l’Arcivescovo ed oltre duecento seminaristi”. A dieci giorni dal sisma che ha ucciso 200 mila persone, ne ha ferite 250 mila e ne ha lasciate senza tetto oltre due milioni, sono stati allestiti a Port au Prince vari centri di soccorso dove vengono svolti i primi interventi chirurgici.

“I feriti più gravi – spiega – sono trasportati negli ospedali al confine e nella Repubblica dominicana. Ci sono vari punti di aiuto, non solo nella capitale, ma anche alla frontiera e nella campagna. Sono tantissime le persone che vivono per la strada e tantissimi i bambini orfani”.

Anche gli italiani si dimostrano sensibili alla tragedia e solidali con il popolo haitiano: “Ho incontrato vari connazionali volontari venuti appositamente dalla penisola o dal Sudamerica per dare assistenza”.

Dal ritorno a Caracas, il 21 gennaio scorso:

“Sto coordinando le iniziative di assistenza dal Venezuela insieme alle altre persone, istituzioni o associazioni disponibili ad aiutare Haiti”.

Per rivolgersi all’associazione Icaro: tel. 0212.6903025, contacto@icaro.org.ve.

Barbara Meo Evoli

www.meoevoli.eu

Annunci

Informazioni su barbarameoevoli

Reporter
Questa voce è stata pubblicata in Sociale e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...