Guerra al narcotraffico: 14mila morti in due anni

di Stella Spinelli

CITTÀ DEL MESSICO – La guerra al narcotraffico, 14mila morti in due anni, tiene in scacco il paese e diffonde un modus operandi cruento e spudorato, che sfocia nell’illegalità. Questi i terribili dati dell’ultimo rapporto di Amnesty International. I militari e la polizia si stanno trasformando in carnefici senza controllo.

In uno scontro con i soldati della Marina messicana, nello stato centrale di Morelos, è stato ucciso Arturo Beltrán Leyva, il capo dei capi del cartello messicano che gestiva assieme al fratello Alberto. Lo chiamavano El Barbas. Era uno dei più ricercati in Messico e sulla sua testa pendeva una taglia di 2,3 milioni di dollari. Secondo la Dea Usa, il cartello Beltrán Leyva, nato da una scissione dal famigerato cartello di Sinaloa, riusciva a far girare 120 tonnellate di cocaina.

Nel cuore del paese, dunque, ancora una volta, una manciata di interminabili minuti di fuoco incrociato e lanci di granate, con scene degne dei più cruenti film hollywoodiani, ha piegato una normale serata di dicembre. Eppure, per molte, troppe zone messicane, questa violenza sta diventando normalità. La guerra al narcotraffico tiene in scacco il paese e diffonde un modus operandi cruento e spudorato, che non fa sconti. E che sfocia nell’illegalità. È come curare una piaga infetta con una soluzione non sterile.

Se fra il gennaio 2008 e novembre 2009, alla guerra della droga vengono attribuite 14 mila morti violente, cifre che superano i paesi in guerra, all’esercito vengono attribuite gravi violazioni dei diritti umani, sparizioni forzate, esecuzioni extragiudiziarie, torture e detenzioni arbitrarie. Il tutto nella totale impunità. La ong Amnesty International ha dedicato a questa grave situazione l’ultima pubblicazione, che dimostra come né le autorità civili né quelle militari indaghino questi crimini, affinché i responsabili di tali e tanti crimini vengano puniti secondo le leggi nazionali e di diritto internazionale. E vittime e familiari restano con un pugno di mosche.

In particolare, Amnesty si riferisce a cinque casi di gravi violazioni dei diritti umani, che coinvolgono 35 persone. Aguzzini, un manipolo di soldati. Si tratta di episodi svoltisi tra il 2008 e l’agosto 2009 e nascosti da un velo di indifferenza e connivenza. E, dai dati raccolti, emerge che questa tragica tendenza è in aumento. Negli ultimi tre anni, la Commissione nazionale dei diritti umani ha portato a termine decine di indagini che hanno portato a 45 raccomandazioni su casi di violazione dei diritti umani per mano dei membri dell’esercito. A Ciudad Juárez, culla di omicidi e delitti per mano dei narcos, la Commissione statale dei diritti umani ha ricevuto negli ultimi 18 mesi, 22 denunce di sparizioni forzate e omicidi in cui sono coinvolti i militari. E si tratta di cifre che sono ancora lontane dalla realtà. E, ironia della sorte, quasi tutti i casi sono avvenuti mentre i soldati erano incaricati di arginare la violenza prodotto dal narcotraffico. Violenza chiama violenza. Dall’inizio del 2007 e il luglio 2009, infatti, anche 73 militari sono stati a loro volta ammazzati dai membri delle bande criminali. È una guerra senza esclusione di colpi, dove tutto è reso lecito dall’istinto di sopravvivenza.

“Il lavoro di far rispettare la legge in una giungla simile è sicuramente difficile – commenta Amnesty – per tutti coloro che hanno la responsabilità di migliorare le condizioni della sicurezza pubblica. Ma il delitto non si combatte con il delitto e la gravità di una crisi non può convertirsi nel giustificare l’uso di metodi illegali, né in un pretesto per chiudere gli occhi davanti a palesi e gravi abusi”. Per questo Amnesty intende accendere i riflettori su questa tragedia tutta messicana, per chiedere alle autorità di reagire con misure efficaci a riportare legalità e giustizia. Il Messico è firmatario di tutte le leggi internazionali e regionali in difesa dei diritti umani, e la richiesta è di metterle in pratica alla lettera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Mexico e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Guerra al narcotraffico: 14mila morti in due anni

  1. alessandro ha detto:

    E la situazione attuale in venezuela? Vi e’ una stretta sulla liberta’?

    Mi piace

  2. barbarameoevoli ha detto:

    stretta sulla libertà di cosa? di stampa ed espressione? assolutamente no! basta ascolatre la tv venezolana o leggere l’80% dei giornali venezolani e rendersi conto dell’aspra critica del governo che sfiora la diffamazione

    Mi piace

    • alessandro ha detto:

      ottimo, leggendo i giornali non si capisce bene cosa stia succedendo in venezuela.
      addirittura qui in ecuador il buon rafael correa dopo aver parteggiato per hugo chavez ora sta prendendo le distanze in quanto gli portava un calo di popolarità

      Mi piace

  3. carlol ha detto:

    Nell’articolo si cita Amnesty. Questo è quanto sostiene l’associazione internazionale in materia di difesa dei diritti umani in Venezuela nel rapporto 2009.
    In che consiste la “rivoluzione” di Chavez? Potrei avere dei riferimenti a riguardo?

    Eucondrio

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...