L’Assemblea dell’Onu dice no all’embargo su Cuba

bloqueo-300x226NEW YORK – E’ la diciottesima volta che accade. A favore dell’embargo solo Israele, Usa e Isole Palau. Tutti gli altri paesi del pianeta sono contrari al ‘bloqueo’ imposto dagli Stati Uniti sull’isola.

“L’embargo è una vergognosa e sistematica violazione dei diritti umani”. Durissime le parole del ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez che ha commentato la 18 votazione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha chiesto agli Usa di porre fine al blocco economico nei confronti di Cuba in vigore dal 1962.

Anche in questa circostanza, come avviene ormai per la diciottesima volta, l’Assemblea ha espresso 187 voti a favore e solo Usa, Israele, e Isole Palau hanno votato contro. La decisione dell’Assemblea, però, non è vincolante.

Sembra che nonostante i buoni propositi e gli ultimi tentativi di avvicinamento i rapporti fra i due stati non siamo mai cambiati. Nemmeno l’elezione di Obama alla presidenza Usa ha cambiato le carte in tavola. Imbarazzante la difesa dell’ambasciatrice statunitense presso le Nazioni Unite Susan Rice, che sostiene come l’embargo non sia responsabile della povertà di Cuba e punta il dito contro il governo dell’isola che ritiene responsabile della crisi economica che da decenni colpisce il Paese.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cuba e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...