Oggi la cittadinanza costa 200 euro, ieri costava 14,62

legalita_e_immigrazione1ROMA – La richiesta di cittadinanza costa ben 200 euro sia per chi risiede in Italia che per chi risiede all’estero. E da oggi è attivo il conto corrente per pagare questo contributo. Prima la richiesta costava il prezzo della marca da bollo, 14,62 euro, oltre a quello delle traduzioni legali del certificato di nascita e penale. Il governo ha giustificato la tassa mettendo in rilevanza il peso economico che deve sostenere il paese nel riconoscere come italiano un immigrato o un figlio di un emigrante all’estero. Ovviamente ha omesso di rilevare il patrimonio di risorse che rappresentano l’immigrazione e la passata emigrazione per l’Italia.

Una nota del dipartimento peer le Libertà Civili e l’Immigrazione del Viminale ha annunciato ieri l’apertura del conto, spiegando che il versamento di 200 euro previsto per le istanze dalla legge 94/2009 potrà essere effettuato tramite i bollettini disponibili presso prefetture e uffici postali.

La legge 15 luglio 2009, n.94 recante “Disposizioni in materia di sicurezza pubblica” ha introdotto una serie di novità anche in materia di cittadinanza, in particolare per i requisiti necessari per ottenerla. È stato previsto, fra l’altro, per le nuove istanze, il versamento di un contributo di 200 euro (articolo 1, comma 12, della legge). A questo scopo, è già operativo il conto corrente n.809020 intestato a ‘Ministero dell’Interno DLCI – cittadinanza’, specificamente dedicato al pagamento del contributo.

I bollettini di conto corrente saranno consegnati entro questo mese alle prefetture e saranno disponibili anche presso gli uffici postali dotati di “Sportello Amico”. Il versamento del contributo per le istanze di cittadinanza presentate all’estero potrà essere effettuato tramite bonifici esteri o attraverso il circuito europeo esistente tra le organizzazioni postali aderenti.

Anuncios

One thought on “Oggi la cittadinanza costa 200 euro, ieri costava 14,62

  1. Salve.chiedo scusa per la mia ignoranza. questa tassa vale anche per quelli come me, ? il mio paesse fa parte del UE, sono sposata da 6 anni mio marito cittadino italiano, ero residente gia prima di sposarmi..oggi ho scoperto questa novita, e comunque vada, mi sembra essagerato, e molto ingiusto per tanti raggioni.. non ho parole..stranieri , sicuramente sono piu quelli onesti che quelli……..

    Me gusta

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

w

Conectando a %s