La destra si oppone alla nuova legge sulla tv

teleBUENOS AIRES – La Camera di Deputati dell’Argentina comincia oggi un dibattito in commissione sul progetto di Legge di Mezzi Audio visivi, ostacolato dall’opposizione e da gruppi imprenditoriali, ma che ha avuto l’appoggio dei partiti di centro sinistra, anche se con la condizione che si introducano delle modifiche. La legge ancora oggi in vigore è stata emanata durante la duttatura.


Il progetto si propone sostituire la “Legge di Radiodiffusione” emanata dalla dittatura nel 1981 ed è sostenuta da associazione professionistiche, sindacati, facoltà di scienze delle comunicazione, intellettuali, laboratori della comunicazione e registi.

Il governo conta sulla la maggioranza dei deputati per approvare il progetto, ma troverà difficoltà al Senato, dove la maggioranza è esigua.

L’Associazione Argentina di Televisione via Cavo (ATVC) ha dichiarato in un comunicato che vuole “dibattere uno per uno tutti i punti assurdi che il testo contiene”, come quello di smantellare la rete di Televisione via Cavo, in cui operano più di 700 aziende, per farla gestire da due aziende straniere o da un numero illimitato di cooperative di servizi pubblici, che potranno operare in esclusiva nelle località dell’interno.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Argentina e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...