La musica: strumento per uscire dalla povertà

Dopo aver studiato pianoforte al Conservatorio in Italia, Domenico Lombardi è tornato in Venezuela per dirigere l’Orchestra sinfonica giovanile e infantile dello stato Vargas

Domenico Lombardi con i suoi alunni del Conservatorio

Domenico Lombardi con i suoi alunni del Conservatorio

CARACAS – “Regalare ai bambini umili la musica classica vale più di qualsiasi concerto in un teatro prestigioso. Vedere i ragazzi sorridere ascoltando Mozart sotto un semplice tendone in piedi sul terriccio ha un valore inestimabile”. Così spiega la sua dedicazione al progetto delle Orchestre sinfoniche giovanili e infantili del Venezuela (Fesnojiv), il giovane direttore Domenico Lombardi.“In Italia insegnavo nelle scuole e dirigevo delle orchestre: avevo tutto – spiega con serenità e pacatezza il direttore musicale regionale dello stato Vargas del Fesnojiv –. Il Sistema nazionale delle orchestre non è solo un progetto musicale, è sociale ed umano. E’ una medicina per i bambini dei ‘barrios’ ed un modo per allontanarli dal mondo della droga e della malavita”.

Il Fesnojiv si dedica da 30 anni a dare una formazione musicale attraverso la pratica collettiva a bambini e ragazzi di scarse condizioni economiche. Il suo obiettivo è togliere dalla strada i gruppi di giovani più vulnerabili, offrire loro una professione e un posto di lavoro all’interno del Sistema.

Lombardi, nato in Venezuela, emigrato in Italia e poi tornato nel Nuovo continente, è orgoglioso dei risultati e degli effetti benefici sui ragazzi raggiunti dal Fesnojiv:

“Suonando uno strumento, l’organismo si scarica e si depura. Spesso i giovani maestri dell’Orchestra, non solo cambiano totalmente la propria vita passando da una situazione di precarietà ad una stabilità economica, ma trasformano la vita dell’intera famiglia. Per esempio, nel nucleo di Maiquetia cinque giovanissimi professori mantengono entrambi i genitori che sono disoccupati”.

Considerando che oggi il Sistema delle orchestre di Vargas opera in 5 nuclei con 850 alunni, il direttore Lombardi, diplomato presso l’Università di Latina, sottolinea che, entro la fine dell’anno, vi saranno 4 mila iscritti in 12 nuclei di formazione.  “La metà del finanziamento è già stato stanziato dal governo dello stato Vargas e la parte mancante sarà donata da varie imprese private. Poche settimane fa è già stato aperto il nuovo nucleo nel ‘vertedero’ dinanzi all’aeroporto”.

L’altro progetto a cui Domenico si dedica è quello di far rivivere l’emozione di ascoltare il repertorio della musica classica italiana ai nostri connazionali:

“Per la festa della Repubblica e per il l’anniversario di Puccini, ho diretto dei concerti lirici e sinfonici. Ho già suonato in vari Centri Italo-venezolani negli stati Lara, Yaracuy, Tachira e Carabobo”.

Il maestro ha suonato il 23 maggio con l’Orchestra sinfonica di Vargas e la compagnia d’Opera dello stato Lara presso il Centro Italo-venezolano a Caracas e il 2 giugno a San Cristobal.

Nella sala antistante l’aula del Conservatorio Simón Bolívar dove Domenico insegna pianoforte si può ascoltare il suono di un violino, oltre ai passi svelti e leggeri degli studenti che si apprestano ad entrare a lezione.

“Per suonare uno strumento ci vuole una predisposizione innata – dice sicuro Lombardi -: un talento sia fisico che espressivo. Sono necessarie, non solo la sensibilità e la capacità d’ascolto, ma anche l’impegno e la persevaranza. La musica è l’arte più difficile. Il pittore o il poeta creano l’opera solo una volta, invece il musicista deve ricrearla ogni volta che suona”.

Nella crescita musicale di Lombardi, tre sono stati gli elementi importanti: avere un padre trombettista che gli fece iniziare a suonare il pianoforte all’età di soli 4 anni, aver seguito un percorso di formazione in Italia (e in particolare il corso di perfezionamento con il maestro Franco Medori e la moglie Laura Panzi), e aver conosciuto in tourné a Valencia il maestro e fondatore del Fesnojiv José Antonio Abreu.

“L’Italia mi ha dato un’ottima formazione accademica – racconta con sottofondo le note di Bach al pianoforte – ma il progetto Fesnojiv è unico al mondo. Quando ho scelto di accettare l’invito di lavorare in questo progetto, già dirigevo a Termoli l’Orchestra sinfonica giovanile e infantile ‘Rossini’ che avevo creato nel ‘98”.

Riguardo alle differenze nel metodo d’insegnamento fra il Conservatorio italiano e il Fesnojiv, il giovane direttore sostiene che “nella penisola l’alunno suona il repertorio da concerto solo quando ha raggiunto l’eccellenza musicale. Qui, invece, il giovane partecipa ad un’orchestra con le prime nozioni musicali. Oggi in Europa si sta prendendo spunto dal modello venezolano, ma è necessario innanzitutto cambiare la mentalità: non pensare solo all’individuo musicale, ma all’insieme”.

In Europa ha sempre vinto l’individualismo sul senso di appartenenza ad una collettività, forse quindi in America latina no. Anche nell’insegnamento della musica si manifestano le differenze fra i due continenti. Ma Domenico conclude: “Il singolo musicista per sentirsi completo ha bisogno di suonare con gli altri. La musica d’altronde non è forse armonia?”.

Il direttore conclude sorridendo: “Bisogna far avvicinare i giovani alla musica classica: così non morirà mai. Beethoven non è forse moderno come un computer?”.

Barbara Meo Evoli

www.meoevoli.eu

Annunci

Informazioni su barbarameoevoli

Reporter
Questa voce è stata pubblicata in Sociale e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a La musica: strumento per uscire dalla povertà

  1. Maura Pansini ha detto:

    Bravo Domenico! Una grande gioia e soddisfazione vedere realizzate le tue ottime qualità di musicista e uomo.
    Una rara sensibilità ti ha sempre contraddistinto, continua così!
    Maura

    Mi piace

  2. Rose Dinardo ha detto:

    Caro Domenico

    Con molto belle salute da le state unite.

    Cugini Rose Dinardo

    Mi piace

  3. buyincoins coupon ha detto:

    I truly love your website.. Very nice colors & theme.
    Did you build this website yourself? Please reply back as I’m attempting to create my own personal blog and would like to learn where you got this from or what the theme is named. Kudos!

    Mi piace

  4. I have been exploring for a little for any high quality articles
    or weblog posts on this sort of house . Exploring in Yahoo I at last stumbled upon this site.
    Reading this info So i am satisfied to convey that I’ve a very good uncanny feeling I discovered just what I needed. I so much unquestionably will make certain to do not omit this site and provides it a look on a relentless basis.

    Mi piace

  5. Jerald ha detto:

    You really make it seem so easy with your presentation but I
    find this topic to be really something that I think I would never understand.
    It seems too complicated and very broad for me. I’m looking forward for your next post, I will try to get the hang of it!

    Mi piace

  6. Electrostatic ha detto:

    My programmer is trying to persuade me to move to .net from PHP.

    I have always disliked the idea because of the expenses.
    But he’s tryiong none the less. I’ve been using Movable-type on various websites for about a year and
    am concerned about switching to another platform.
    I have heard good things about blogengine.net.
    Is there a way I can transfer all my wordpress content into it?
    Any help would be greatly appreciated!

    Mi piace

  7. Violet ha detto:

    hello!,I love your writing very so much! share we keep up a correspondence extra about
    your post on AOL? I require a specialist on this house to solve my problem.
    May be that’s you! Looking forward to look you.

    Mi piace

  8. ssas-wiki.com ha detto:

    Hey There. I found your blog using msn. This is an extremely well written article.
    I will be sure to bookmark it and return to read more of your useful information.
    Thanks for the post. I’ll certainly comeback.

    Mi piace

  9. I’m extremely impressed with your writing skills as well as with the layout on your weblog. Is this a paid theme or did you modify it yourself? Either way keep up the nice quality writing, it’s rare to see a great
    blog like this one nowadays.

    Mi piace

  10. similar site ha detto:

    Hi there friends, nice piece of writing and nice arguments commented at this place, I am in fact
    enjoying by these.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...