Avila tv: il canale fatto da giovani di tanti paesi del mondo non cambierà

AVILA TV è la televisione comunitaria nata tre anni fa a Caracas

 

La televisione comunitaria Avila tv

La televisione comunitaria Avila tv

 

 

CARACAS – Una gran folla fa avanti e indietro nell’edificio Phelps sull’Avenida Urdaneta in pieno centro di Caracas. Facce preoccupate, dita che martellano i tavoli dove si lavora, gente che corre su e giù per le scale, un buttafuori sbarra l’ingresso ai volti non conosciuti quando normalmente quella porta è sempre spalancata. Questa la sensazione di ansia collettiva che serpeggiava martedì nella sede della televisione comunitaria Avila tv.

Brasiliani, cileni, colombiani, argentini, nordamericani ma anche tanti italiani che lavorano nella televisione si aggiravano indaffarati per i corridoi con il timore che da un momento all’altro arrivasse il movimento studentesco di opposizione per impadronirsi delle installazioni, cedute tre anni fa dall’Alcaldia metropolitana al canale.

Il presidente di Avila, José Manuel Iglesias, “Gaviman”, aveva così lanciato l’allarme qualche giorno prima: “Antonio Ledzema – nuovo sindaco della città, di origine italiana, e avversario di Hugo Chávez – ha detto che ha già una nuova squadra di persone pronte per lavorare nella televizione al posto nostro che l’abbiamo creata”.

L’agitazione nel canale si è placata ieri. E’ stato emesso il decreto con cui il Ministero della comunicazione (Minci) ha incluso il canale nel ‘Sistema nazionale dei mezzi di comunicazione’ sottraendolo quindi alla gestione attuale dell’Alcaldia Mayor, vinta dall’opposizione nelle elezioni del 23 novembre.

“Avila tv – spiega la coordinatrice dell’informazione Violeta Linares – è un canale alternativo diretto ai giovani che da visibilità a tutti quei settori della popolazione da sempre resi invisibili dai canali privati. La televisione lancia un messaggio rivoluzionario senza che sia noioso, utilizzando il linguaggio dei giovani: i graffitis, il rap, i murales, la musica, ed è stata critica comunque del governo. E’stata inoltre fin dall’inizio creata una scuola popolare diretta a formare i quadri dello stesso canale, spesso giovanissimi e provenienti dai quartieri umili della città”.

L’opposizione ha criticato Avila tv affermando che l’informazione data sia pura propaganda politica a favore del governo attuale e che si mostri una sola faccia della città: quella dei ‘barrios’ che comunque, sostengono, non potrebbero essere presi come modello per costruire una nuova società.

I mezzi di comunicazione sociale dovrebbero compiere tre funzioni: educare, informare e intrattenere, ci sarebbe da chiedersi quali sono i canali in Venezuela che adempiono a queste finalità?

 

Barbara Meo Evoli

www.meoevoli.eu

 

 

Annunci

Informazioni su barbarameoevoli

Reporter
Questa voce è stata pubblicata in Politica e Cronaca e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...